Prenota Ora
it
abissi di silenzio 890x560
fondazione-sardegna logo
16 76 20070917161317
logo

Abissi di Silenzio

Abissi di Silenzio

apre a Cagliari la mostra fotografica dedicata al film Banditi a Orgosolo

 

In occasione dei sessant’anni dalla uscita del film Banditi a Orgosolo nelle sale cinematografiche e dalla sua premiazione alla Mostra del cinema di Venezia, ma anche a dieci anni dalla scomparsa del regista, viene presentata la mostra fotografica Abissi di silenzio.

Immagini dal film Banditi a Orgosolo, Vittorio De Seta, 1961”, a cura di Antioco Floris e Antonello Zanda, in programma a Cagliari dal 26 maggio al 30 giugno nei locali della Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta e a Nuoro dal 9 luglio al 15 agosto al Museo del costume in via Mereu. 

Banditi a Orgosolo occupa una posizione riconosciuta nella storia del cinema mondiale. Dalla sua uscita nel 1961, con il premio come miglior opera prima alla Mostra del cinema di Venezia, è stato via via sempre più apprezzato per le sue qualità cinematografiche e narrative. Per la Sardegna la pellicola riveste però un valore ulteriore in quanto negli anni ha assunto il carattere di film di fondazione, opera da cui è difficile prescindere quando si riflette sull’immaginario cinematografico legato all’isola.  

L’esposizione raccoglie una selezione di immagini del film, fotogrammi e foto di scena, rappresentative dello stile di Vittorio De Seta, ma che offrono anche uno spaccato visivo del mondo barbaricino a cavallo fra gli anni Cinquanta e Sessanta di cui Banditi a Orgosolo è espressione.  

Dalle fotografie emerge uno sguardo attento alla realtà e nella composizione dell'inquadratura non c'è mai ricerca di punti di vista virtuosistici, eccentrici, ma di quadri capaci di far emergere la componente plastica dei corpi e degli ambienti. Il ricorso al bianco e nero e l'uso di mezzi agili tipici del reportage cinematografico danno quel carattere austero che ben esprime lo spirito del luogo.  

La mostra, prodotta dalla Società Umanitaria-Cineteca Sarda a partire da un progetto di ricerca condotto dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali dell’Università di Cagliari e promossa in collaborazione con l’Istituto Superiore Regionale Etnografico e la Fondazione di Sardegna, può essere visitata a Cagliari alla Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta, dal 26 maggio al 30 giugno (lun-sab 10:00-19:00). 

L’ingresso è libero. 


Fondazione di Sardegna

Via San Salvatore da Horta, 2 – Cagliari

Tel .070 756071


ISRE Istituto Superiore Regionale Etnografico


Società Umanitaria




top