Prenota Ora
it

....il naufragar mi è dolce in questo mare

La Sardegna con la sua natura vergine e incontaminata, le sue viste mozzafiato e le sue spiagge caraibiche è l’Eden in cui rifugiarsi e perdersi per ritrovarsi tra la natura e nel relax assoluto. La macchia mediterranea che la avvolge con il  profumo di oleandri, mirto e ginestre le regala un’atmosfera calda e inconfondibile che ricorda un paradiso perduto di inestinguibile varietà. Ogni singolo angolo di quest’isola merita di essere scoperto. 

Area Pula | Chia

 mg 6182

Tutta la costa che va da Santa Margherita di Pula al Porto di Teulada è un susseguirsi di spiagge e rocce. Per la sua selvaggia e primitiva bellezza la zona compresa tra Capo Spartivento, Chia e Capo di Pula che ha visto sorgere antichi insediamenti storici, ora ancora visibili nei siti di Nora e Bithia, è diventata oggi una delle zone balneari della Sardegna in più forte crescita e sviluppo turistico. In una splendida insenatura tra Capo Malfatano e Capo Spartivento sorge Tuerredda, considerata una delle più belle spiagge della Sardegna per la sua sabbia chiara e finissima e per il colore trasparente del mare che richiama un paesaggio caraibico. Intorno all'arenile verdeggia la macchia mediterranea, dove regnano il lentisco e il ginepro e di fronte ad esso, proprio al centro, è situato l'isolotto omonimo, a qualche centinaio di metri dalla riva. L'isolotto di Tuerredda, dove ha il predominio il vento grecale, si presenta come un piccolo mondo nel quale è possibile trascorrere qualche ora, distesi sulla sabbia o sulle rocce calde e levigate oppure esplorare il suo interno, regno di gabbiani e altri uccelli, ricoperto di macchia radente e profumata.
Poco distanti intorno a dune alte fino a 20 m, sulle quali si arrampicano secolari ginepri modellati dal vento si trovano la spiaggia di Su Giudeu e la piccola baia di Cala Cipolla, anche queste considerate tra le spiagge più belle del Mediterraneo.

Area di Villasimius

 mg 6142

Le spiagge di Villasimius, alcune di sabbia bianca e finissima, altre dorate e corpose, con il loro mare che varia dall’azzurro limpido al turchese brillante e al verde smeraldo. A testimonianza dell’innegabile valore di questi luoghi, la Costa di Capo Carbonara con le isole dei Cavoli e di Serpentara, si è guadagnata l’importante riconoscimento di Area Marina Protetta.
Tra le meraviglie di quest’area primeggiano le spiagge di Porto Giunco e Punta Molentis. Quello che contraddistingue la spiaggia di Porto Giunco – proprio adiacente alla Spiaggia di Simius – sono le magiche sfumature rosa opalino della sua sabbia, colore che le è conferito dai detriti del granito rosa della costa lentamente erosa dal mare. Il suo soprannome “dei due mari” dipende dal fatto che si trova racchiusa tra il mare e lo stagno salato di Notteri alle sue spalle. Qui nei periodi freddi, è possibile ammirare rari esemplari di fenicotteri rosa che si fermano a riposare sulle acque cristalline dello stagno.
Su un promontorio vicino sorge un’antica torre da cui è possibile godere di una straordinaria veduta di tutto il territorio intorno a Villasimius. Le due magiche insenature di questa spiaggia, sempre riparate dal vento, offrono ai bagnanti un’acqua dagli infiniti toni dell’azzurro.

cartina su sardegna

Scarica la cartina dell spiagge del Sud Sardegna

top
THotel utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza sul sito. Se continui la navigazione, acconsenti a ricevere tutti i cookie presenti nel sito. Maggiori Informazioni